Partito Comunista – Federazione Estero

Partito Comunista Federazione Estero

Partito Comunista
Contro l'Unione Europea,
Contro la NATO,

Per il socialismo,
Tutto per la classe operaia
Immigrazione ucraina
03/04/2022 By Redazione Non attivi

Emigrazione dall’Ucraina oggi

Immigrazione ucraina“Esercito industriale di riserva” è l’espressione con la quale Karl Marx indica, nel I libro del Capitale[1], la massa dei disoccupati in un’economia capitalistica e la sua funzione.

Il filosofo-economista nota due caratteristiche apparentemente paradossali (se osservate dal punto di vista della lotta di classe) del fenomeno della disoccupazione.

Innanzitutto è la stessa opera subordinata degli operai che concorre a rendere in parte eccedente il proprio stesso lavoro.” Cit. Wikipedia

In questi giorni di bombardamento mediatico sulla guerra russo-ucraina si sono sentite due costanti, tipiche della società capitalistica:

1) l’economia e la borsa si danneggeranno da questo conflitto per il deflagrare del Mercato

2) sei milioni di ucraini scapperanno verso la UE. Difatti, il capitalismo occidentale, in primis la UE, Italia in testa, non fanno che annunciare drastiche sanzioni economiche verso la Russia.

Come diceva il compagno Lenin «La borsa è tutto per il capitalismo» proprio così, per questo che ci permettiamo alcune citazioni importanti del compagno K. Marx dal suo –Capitale- più moderne che mai, che continua così nella sua esposizione sui disoccupati:

“Sono gli operai infatti, costretti a produrre plusvalore di cui si appropriano i capitalisti, plusvalore grazie al quale il capitalista può tentare, una volta raggiunto il limite oltre il quale gli è impossibile abbassare i salari, di combattere la concorrenza rinnovando i processi produttivi, quindi risparmiando manodopera[2], così come il loro stesso lavoro subordinato produce le macchine che sostituiscono in parte il lavoro loro o di altri operai.

I capitalisti, obbligati dalla concorrenza ad aumentare la produttività, ossia a diminuire il costo unitario delle merci prodotte, sono così costretti ad aumentare l’uso delle macchine modificando la composizione del proprio capitale, aumentando la quota del capitale costante (macchinari, acquisti di materie prime) a scapito di quella del capitale variabile (salari).” Cit. Wikipedia

In pochissime parole a più di centosessant’anni da queste affermazioni, ci troviamo a doverle ripetere per spiegare per quale motivo la socialdemocrazia del RdC ha fallito completamente.

Può interessarti anche  Stroncare il virus del Berlusconismo

Ispirata alle teorie Keynesiane durante la Grande Crisi del ’29 negli USA e trasportata poi in EU, la dottrina del New Deal Roosweltiano ha portato comunque alla 2ª Guerra mondiale imperialista, segno che quella famosa ripresa fu solo per le grandi imprese, che (per espandere il grande ciclo di super produzione furono costrette alla guerra), non certo per la classe lavoratrice dell’epoca che si vide scaraventata nell’ennesima guerra fratricida.

“Ma d’altro canto i capitalisti non ricavano, come credono, plusvalore dalla quantità di capitale investito, ma dal lavoro operaio che hanno comunque, come per qualsiasi loro voce di spesa, interesse a pagare il meno possibile, tendenzialmente non più del livello di sussistenza.

Dall’osservazione di questa contraddizione, aumento del capitale costante e diminuzione di quello variabile (la spesa per il lavoro), il solo che produca valore, nasce in Marx la teoria della caduta tendenziale del saggio di profitto.” Cit. Wikipedia

Quando il capitalismo imperialista allarga i suoi orizzonti “portando la liberta e democrazia”, cioè colonizzando altri paesi lo fa per allargare il Mercato. Cioè per sfruttare, come fecero i grandi imperi prima del Mercantilismo del 1300, popolazioni e territori nell’ottica di estrarne profitto.

Quando riuscirono a far cadere il muro nell’89, la prima cosa fu impossessarsi delle industrie e far emigrare le popolazioni nell’occidente per abbassare i diritti dei lavoratori.

Per far questo utilizzarono agenzie pagate dai fondi bancari privati per agire in nome e per conto dei capitalisti.

Tutta l’emigrazione degli ultimi 40 anni dai paesi del Terzo Mondo è servita a questo, compresi le decine di milioni di italiani in questo ultimo secolo e mezzo.

Può interessarti anche  Reddito di Emergenza: Analisi

“La presenza di un gran numero di disoccupati è funzionale all’esistenza stessa del sistema capitalistico, poiché, alimentando la concorrenza tra gli operai, garantisce un basso livello di salari opponendosi alle rivendicazioni di aumenti salariali che diminuirebbero ancor di più il profitto per il capitalista e la massa totale di plusvalore di cui si appropria la classe capitalistica nel suo insieme (accelerando quindi la caduta tendenziale del saggio di profitto).”

Abbiamo sentito già campane xenofobe europeiste che dicono che il Vecchio continente non può permettersi l’accoglienza di ulteriore emigrazione dall’ucraina. Cosa vogliono dire queste parole in politichese? Molto semplice: «Sappiate che se arrivate qui sarete sottoposti ai lavori più umili, mal pagati e che solo qualche aiuto nel welfare giusto per non farvi morire di fame, il nostro scopo e farvi odiare dalla classe lavoratrice per creare quei conflitti populisti che portano al fascismo».

Il capitalismo si basa sui denari, per questi ultimi e disposto, da sempre, a trucidare, in nome di alcune libertà che non si vedono perché non ci sono, sono solo libertà consumistiche che non hanno niente di umano.

Una delle nostre frasi coniate come comunisti è: «Il capitalismo ti da il superfluo, il socialismo il necessario».

Negli ultimi 15 anni circa, cioè dalla famosa crisi finanziaria del 2008, a fronte dell’arricchimento di pochissimi, dall’altra parte il capitalismo sta vivendo una fase di grandissima crisi che sta fronteggiando come suo solito con guerre e migrazioni dei popoli che la subiscono, perché non ha mai avuto unica uscita dalla crisi se non queste due opzioni.

“La definizione marxiana è tratta dal linguaggio militare perché secondo Marx la disoccupazione è un’arma in mano ai capitalisti nel dispiegamento della lotta di classe.

Può interessarti anche  Il Covid-19 e i diritti dei lavoratori in Europa

Marx prosegue la propria analisi definendo la disoccupazione come una sovrappopolazione relativa, e sottolineando come solo in natura, tra gli animali o le piante e senza l’intervento regolatore dell’uomo, si possa parlare di “sovrappopolazione assoluta”[3]”.” Cit. Wikipedia

Mai come adesso i popoli, riunendosi per una lotta comune contro di esso, possono riprendersi quello che gli e stato sottratto.

Siamo a un punto che: O NOI O LORO! Questa è l’unica via di uscita a cui si ispirano i comunisti, la rivoluzione, l’unica che ha sconfitto il capitalismo.

W il comunismo! W le teorie di Marx!

Share and Enjoy !

Shares
Website | + posts