Partito Comunista – Federazione Estero

Partito Comunista Federazione Estero

Partito Comunista
Contro l'Unione Europea,
Contro la NATO,

Per il socialismo,
Tutto per la classe operaia
Uno per tutti - il sistema educativo a Cuba
23/10/2022 By Roberto Nava Non attivi

Uno per tutti: il sistema educativo a Cuba

Il sistema educativo a CubaCosa rende un buon sistema educativo? Come viene promosso e sviluppato il sistema educativo in un Paese socialista come Cuba? A tal fine, abbiamo avuto l’opportunità di visitare una scuola e di parlare con gli educatori cubani.

La prima volta che abbiamo avuto contatto con il sistema educativo di Cuba è stato quando abbiamo assistito all’appello mattutino di una scuola primaria e secondaria sull’Isla de la Juventud. Abbiamo poi fatto la nostra prima vera visita alla Escuela Primaria “Jose Luis Caballero” nel Barrio Marianao del CUJAE, dove abbiamo potuto osservare da vicino l’appello mattutino dei pionieri. “La scuola ha 373 alunni”, dice la preside Anna Luisa, “e il numero per classe è di circa 20 alunni”. È stata fondata nel 1832 dal suo omonimo, un noto filosofo ed educatore cubano del XIX secolo. Il direttore continua dicendo che questa scuola è frequentata principalmente da alunni i cui genitori o famiglie si sono trasferiti all’Avana per lavorare. Qui nel barrio vivevano soprattutto famiglie di operai che lavoravano nell’ormai defunta fabbrica di canna da zucchero.

Qualche giorno dopo, abbiamo avuto un incontro con l’Observatorio Social dell’Università di CUJAE. Si tratta di un gruppo di professionisti qualificati in diversi settori che ricercano le dinamiche sociali degli studenti all’università.

Parlando con loro sono emerse molte differenze tra i sistemi educativi della RFT e di Cuba. In primo luogo, la scuola primaria dura quattro anni in Germania e sei anni a Cuba. Come è noto, gli alunni della RFT devono decidere, in base al loro rendimento, quale scuola secondaria frequentare. Questo è spesso associato a un’elevata pressione sul rendimento dei bambini, perché si può decidere fin da subito quale sarà il loro futuro educativo e professionale e gli alunni sono già selezionati in base al buon o cattivo rendimento scolastico. La differenza di classe sociale diventa quindi spesso evidente, perché i bambini che hanno maggiori possibilità di continuare la loro carriera scolastica in scuole superiori provengono solitamente da famiglie più ricche. A Cuba, tutti gli studenti regolari, indipendentemente dal loro livello di rendimento, rimangono insieme fino alla nona classe. Questi gradi sono costituiti dal già citato livello primario fino al 6° anno e dal livello secondario, che va dal 7° al 9° anno. Il vantaggio è che le classi rimangono un tutt’uno, consentendo così a tutti gli alunni di conseguire una qualifica per accedere alla scuola superiore e poter poi studiare all’università o completare una formazione tecnico-professionale (Educación Técnica Profesional). Sia il Preuniversitario che l’Educación Técnica Profesional si completano dal 10° al 12° anno. Per la scuola superiore è possibile iscriversi a cinque diverse specializzazioni, suddivise in tre aree principali:

  • Scienze culturali mediche, agricole, biologiche e fisiche.
  • Scienze tecniche, naturali e matematiche
  • Scienze sociali, umanistiche, economiche e pedagogiche.
Può interessarti anche  Spagna: Il business sulle spalle degli insegnanti

Scegliendo una di queste specializzazioni, gli studenti decidono il tipo di corso di studi che desiderano scegliere in seguito. Per la formazione professionale tecnica, c’è la formazione generale e di base per le rispettive professioni che possono apprendere e le materie tecniche che la accompagnano.

Un’altra possibilità è quella di sostenere esami o corsi speciali per essere ammessi all’università. Questo è possibile anche per i cubani che già lavorano e che hanno deciso di riprendere gli studi o di continuare la loro formazione. Possono partecipare ai cosiddetti “incontri di approfondimento”. A differenza della Germania, dove è necessario pagare molto per le scuole serali o per gli studi privati, lo Stato cubano si fa carico di tutti i costi degli studenti e garantisce un’istruzione superiore gratuita a tutti i cittadini del Paese.

“E come funziona effettivamente l’inclusione a Cuba?”, chiediamo a Fermín dell’Observatorio Social. I bambini e i giovani con disabilità ricevono un’istruzione di recupero in cui si recano in istituti speciali e sono assistiti in base alle loro esigenze. Sono inoltre tenuti a frequentare la scuola fino al 9° anno, proprio come gli scolari normali. Non è importante la frequenza con cui si ripete un voto. “L’importante”, dice Fermín, “è che abbiano la possibilità di frequentare la scuola fino al completamento degli anni dell’obbligo”. Durante questo periodo, i ragazzi sono assistiti da diversi tutor pedagogici in base al loro ritmo di apprendimento, e tutti si concentrano sulla capacità dello studente di diplomarsi. Nell’inclusione cubana è importante che ogni bambino e giovane sia una parte importante della società nel suo sviluppo e che questo venga trasmesso anche nelle istituzioni.

Un’altra componente del sistema educativo cubano è che, a differenza di quello tedesco, è centralizzato dallo Stato. “Qual è il rapporto tra istruzione pubblica e privata a Cuba e in Germania?” è stata una delle domande discusse nel corso del convegno. Da parte cubana, volevano sapere come si relaziona con le scuole pubbliche e private. Perché i bambini/ragazzi che frequentano una scuola privata hanno più vantaggi e maggiori possibilità di conseguire un buon diploma? Chi ha un’istruzione scolastica privata nella RFT ha fondamentalmente maggiori possibilità di ottenere un posto all’università in seguito. Il risultato è che si crea una frattura tra le classi sociali. E a Cuba? Qui non ci sono scuole private. Tutti i bambini/giovani frequentano le stesse scuole pubbliche, il che significa che tutti hanno le stesse opportunità educative e non ci sono differenze di classe.

Può interessarti anche  Un incontro con il Comandante en Jefe

L’importanza dell’istruzione generale a Cuba si riflette anche nelle statistiche. Con quasi il 13% del suo prodotto interno lordo (PIL), lo Stato cubano investe nell’istruzione più di qualsiasi altro Stato al mondo. In confronto, in Germania è solo il 4,2% del PIL. “A Cuba abbiamo ancora molti problemi irrisolti, ma l’unica cosa che non permetteremo a nessuno di toglierci è il nostro sistema di istruzione gratuito per tutti”, ha detto uno dei nostri intervistati. E ancora: “A Cuba l’istruzione rimane un diritto per tutti, anche se non tutto è perfetto e si può ancora migliorare, noi ci atteniamo al nostro sistema. Con noi, le persone vengono al primo posto in tutti i settori importanti della vita”.

Fonte Articolo:

Eins für alle: Das Bildungssystem in Kuba – EINE ANDERE WELT IST MÖGLICH (berichteaushavanna.de)

Share and Enjoy !

Shares
+ posts