Partito Comunista – Federazione Estero

Partito Comunista Federazione Estero

Simbolo_Enrico-Olivetti-LgWueZJWu-transformed
Contro l'Unione Europea,
Contro la NATO,

Per il socialismo,
Tutto per la classe operaia

27/06/2023 By Redazione Non attivi

17 Giugno 1953: la rivolta fatta

Il 17 giugno è parte integrante della propaganda`dell’imperialismo tedesco

La rivolta fatta

Dal quotidiano “Unsere Zeit” l’organo dei compagni del DKP (Germania)
Fonte: Der gemachte Aufstand | Unsere Zeit (unsere-zeit.de)

17 Giugno 1953: Introduzione

Il 17 giugno ricorre il 70° anniversario degli eventi della DDR, che presto sarebbero stati
glorificati nella Repubblica Federale con lo slogan della “rivolta del popolo”. Il modo in cui
questo giorno viene commemorato è ancora rivelatore per quanto riguarda l’immagine di
sé della Germania, nuovamente ascesa a grande potenza.

Il Discorso di Klara Geywitz: Ideali Nobili o Strumento di Manipolazione?

In occasione della commemorazione del 17 giugno dello scorso anno da parte del governo federale, il
Ministro federale per l’edilizia abitativa, lo sviluppo urbano e le costruzioni, Klara Geywitz
(SPD), ha tenuto un discorso. Ha trovato parole commoventi per coloro che all’epoca
erano scesi in piazza per la “libertà” e la “democrazia”, non senza lodare lo stesso
eroismo ora in Ucraina. Anche lì, infatti, si sta combattendo per gli stessi ideali contro
l’aggressione russa. Invocando una citazione di Martin Luther King, ha espresso la sua
speranza: “Possa l’arco dell’universo morale piegarsi rapidamente verso la giustizia”.

Il Popolo che si Solleva: Ideali Morali o Condizionamenti Esterni?

È interessante vedere il modo in cui due eventi storici sono collegati qui. In entrambi i casi,
il motivo di fondo è che “il popolo” si solleva per nobili valori morali, naturalmente senza
influenze esterne. E in entrambi i casi, “il russo” appare dalla parte del nemico.

Il Ruolo di Adenauer: Riunificazione o Sfruttamento dell’Est?

Il punto non è che l’attuale guerra in Ucraina sarebbe difficile da immaginare senza le
ambizioni espansionistiche della NATO, senza la massiccia interferenza occidentale negli
affari interni dell’Ucraina, fino al punto di favorire un colpo di Stato con forze fasciste. Ma
quanto è sostenibile l’affermazione suggerita dalle osservazioni di Geywitz secondo cui gli
“insorti del 17 giugno” si sono sollevati solo ispirati dal loro desiderio di libertà?

La Rivolta e l’Infiltrazione Occidentale

In linea di principio, il governo federale guidato da Konrad Adenauer non considerò mai ciò
che accadeva nella DDR come una questione interna. Dopo tutto, con l’esproprio delle
grandi proprietà terriere e delle corporazioni di criminali di guerra, lo Stato tedesco
orientale non solo aveva privato il fascismo della sua base sociale, ma aveva anche
peccato nel modo più grave che si possa immaginare contro il principio più sacro
dell’ordine borghese: la proprietà privata.

L’Intelligence Straniera e l’Eredità dell’Esercito Nazista

Per i revanscisti e i monopolisti della RFT, l’unica
opzione concepibile sembrava essere quella di invertire questo sviluppo. In questo
sapevano che il governo Adenauer era dalla loro parte. Il cancelliere lo disse chiaramente:
“Ciò che si trova a est dei fiumi Elba e Werra sono le province non redente della
Germania. Pertanto, il compito non è la riunificazione, ma la liberazione”. Anche il Ministro
degli Esteri Heinrich von Brentano si dimostrò un amico delle parole chiare: “Faremo di
tutto e ci impegneremo fino all’ultimo, lo dico espressamente: tutto e l’ultimo, per riportare
la zona occupata dai sovietici”.

Kampfgruppe gegen Unmenschlichkeit: Strumento Anticomunista Sostenuto dall’Ovest

Come è giusto che sia, anche l’Accordo di Görlitz del 6
giugno 1950, con il quale la DDR e la Repubblica Popolare Polacca avevano concordato
la linea Oder-Neisse come confine tra i due Stati, venne inveito contro. Secondo la
Repubblica Federale, i “territori orientali tedeschi” erano stati ceduti a tradimento.
“Ciò che si trova a est dell’Elba e della Werra sono le province non redente della
Germania. Pertanto, il compito non è la riunificazione, ma la liberazione”.
Nello spirito di questi desideri revanscisti, la propria sfera di controllo doveva innanzitutto
essere resa libera dall’ostilità. La prima legge di modifica del diritto penale del 30 agosto
1951 introdusse un diritto penale di opinione, con l’aiuto del quale vennero perseguiti
soprattutto il KPD, la FDJ e le forze di resistenza contro il riarmo pianificato. I giudici di
Hitler, che rimasero in carica, potevano nuovamente imporre pene detentive per
l’espressione di opinioni impopolari. Ma non si fermò qui. Al Festival mondiale della
Federazione mondiale della gioventù democratica a Berlino, nell’agosto del 1951, una
manifestazione della FDJ fu picchiata dalla polizia di Berlino Ovest. Ci furono circa 1.000
feriti. L’11 maggio 1952, l’attivista della FDJ Philipp Müller fu assassinato dalla polizia
durante una manifestazione pacifica a Essen.

Piani di Riprivatizzazione e Propaganda Occidentale

Il governo federale sapeva come assicurarsi il personale giusto per questo corso. Venne
creato un servizio di intelligence straniero con il nome di Organizzazione Gehlen (poi
BND). A capo di esso c’era l’ex maggiore generale della Wehrmacht Reinhard Gehlen, che
aveva diretto il servizio di intelligence militare nella Seconda guerra mondiale con il nome,
ora di nuovo attuale, di “Eserciti stranieri dell’Est”. Inoltre, Adenauer rilasciò una
dichiarazione in cui si sottolineava la presunta impeccabile condotta militare della
Wehrmacht e delle Waffen-SS.

Oltre i Confini Interni: L’influenza dell’Occidente sul 17 Giugno

Il “Kampfgruppe gegen Unmenschlichkeit (KgU)” (Gruppo di combattimento contro la
disumanità) era attivo da Berlino Ovest dal 17 ottobre 1948. Si trattava di un’associazione
di militanti anticomunisti e vecchi nazisti, riconosciuta dalle autorità militari alleate
occidentali come organizzazione senza scopo di lucro, che teneva impegnati gli organi di
sicurezza della DDR con attacchi terroristici e sabotaggi di impianti produttivi. Non
lesinavano nemmeno gli omicidi, motivo per cui il noto teologo protestante Martin
Niemöller definì il KgU un gruppo criminale. Ciononostante, godeva della benevolenza e
del sostegno delle autorità della Germania Ovest e di Berlino Ovest.

La Celebrazione del 17 Giugno: Manipolazione della Storia

Nel frattempo, il “Consiglio consultivo di ricerca per le questioni della riunificazione
tedesca” stava già elaborando piani per la riprivatizzazione delle terre e dei mezzi di
produzione nell’Est. Nel marzo 1953, il ministro federale per le questioni “interamente
tedesche”, Jakob Kaiser, annunciò speranzoso: “È molto probabile che il giorno X arrivi
prima di quanto gli scettici osino sperare. È nostro compito prepararci ad affrontare i
problemi nel miglior modo possibile. Il piano dello Stato Maggiore è già pronto”. È difficile
immaginare che il Kaiser e i suoi amici non avrebbero salutato il 17 giugno come il
sospirato Giorno X. Era quindi logico che la Radio del Settore Americano (RIAS) di Berlino
Ovest giocasse un ruolo importante nell’alimentare i disordini nella parte orientale della
città e nella DDR. Il caporedattore dell’epoca, Egon Bahr, si vantò in seguito: “Senza la
RIAS, la rivolta non sarebbe avvenuta come è avvenuta”. L’efficacia di questa attività fu
confermata quando un rappresentante delle autorità militari statunitensi si presentò nella
redazione del RIAS e chiese ai presenti se avessero intenzione di iniziare la Terza guerra
mondiale. Nel frattempo, tra gli “eroi della libertà” che si ribellavano e appiccavano incendi
a Berlino Est c’erano coloro che erano venuti dall’ovest della città proprio per questi scopi.


Riunificazione e Realità: La Delusione dei Tedeschi dell’Est

Gli eventi intorno al 17 giugno non possono quindi essere spiegati solo con i problemi e le
contraddizioni interne alla DDR, anche se il loro significato non può essere negato.
Dopo il 17 giugno, Bertolt Brecht aveva ironicamente raccomandato in una poesia al
governo della DDR di sciogliere il popolo ed eleggerne un altro. Questa frase è stata citata
più volte con piacere in Occidente. D’altra parte, si dimentica la lettera di Brecht al suo
editore tedesco occidentale Peter Suhrkamp del 1° luglio 1953, in cui affermava ancora
una volta che l’amarezza dei lavoratori per le decisioni sbagliate del governo era
giustificata. Ma afferma anche che a un certo punto l’orientamento del movimento di rivolta
si è inclinato e la reazione ha preso il sopravvento. Ha anche nominato chiaramente il
ruolo del RIAS e dell’infiltrazione occidentale, concludendo: “Il Partito di Unità Socialista di
Germania ha commesso errori molto gravi per il partito socialista e ha messo i lavoratori,
compresi i vecchi socialisti, contro di esso. Io non ne faccio parte. Ma rispetto molte delle
sue conquiste storiche e mi sono sentito legato ad esso quando è stato attaccato – non per
i suoi errori ma per i suoi meriti – dalla marmaglia fascista e guerrafondaia. Nella lotta
contro la guerra e il fascismo, sono stato e sono al suo fianco”.

La Repubblica Federale Celebra il 17 Giugno: Manipolazione della Storia

La Repubblica Federale iniziò a celebrare il 17 giugno come festa già nel 1954,
demonizzando la DDR come “seconda dittatura tedesca”. Le espressioni sentimentali di
solidarietà rivolte ai “nostri fratelli e sorelle della zona” andavano di pari passo con le
grottesche illazioni nazionaliste. Il 17 giugno 1954, ad esempio, il leader dell’FDP Thomas
Dehler inveì contro il ritorno del “Reich” presso il monumento di Hermann, vicino a
Detmold. Nella stessa occasione, nel 1965, il vicecancelliere Erich Mende chiese che
l’inno nazionale fosse esteso per includere la prima strofa del Deutschlandlied. Quel
giorno si era adornato con la Croce di Cavaliere conferitagli dal “Führer”.
Quando nel 1990 i sogni ad essa legati si realizzarono, per i tedeschi dell’Est giunse il
momento della verità. I “fratelli e le sorelle” si videro presto diffamati come pensionanti
fastidiosi e ingrati che dovevano sopportare che il lavoro di una vita fosse disprezzato con
arroganza coloniale.

Share and Enjoy !

Shares